1959: Una storica foto dell’Asilo Parrocchiale

La foto è stata scattata dove ora c’è il parcheggio (e allora c’era ancora l’erba). La giovane maestra è Damiani Olivia (1930-1996), la cuoca è la mitica Mengarelli Rosa (1893-1995). I bambini (classe 1954 circa) è stata fornita da Cangiotti Fiorenzo e nel documento ha saputo ridare un nome a quasi ogni bambino. Grazie. La Parrocchia, per volontà del suo parroco Don Francesco Marcelli (+1960) aveva fondato l’asilo nel 1950. Questo fu poi chiuso alla nascita nel 1968 dell’asilo comunale. Si conserva ancora nell’archivio parrocchiale il libretto postale con il primo ed unico versamento di £ 500. Il pranzo per Olivia e Rosa (oltre la minestra) consisteva in mezzo uovo a testa. Chi si ricorderà di loro?

Un dipinto di Claudio Sacchi per l’800 anniversario dell’incontro tra San Francesco e il Sultano

Francesco d’Assisi voleva andare a tutti i costi tra i musulmani, tanto che per tre volte fece i suoi tentativi, senza scoraggiarsi dei fallimenti. Il terzo tentativo fu quello buono per l’incontro con Malek al- Kamel. Il sultano trova gran piacere ad ascoltare Francesco, quello strano monaco venuto dall’Italia. Siamo nel settembre del 1219. Cortesia, rispetto e dialogo, caratterizzano la conversazione tra il sultano Malek al-Kamel e Francesco d’Assisi. 

Nel dipinto del M° Sacchi è raffigurato un San Francesco adulto e pensieroso. In lontananza si intravede la città di Damietta (dove avvenne l'incontro) a pochi chilometri dal Cairo. Dopo tre tentativi falliti non si sapeva come sarebbe stato accolto. Di qui il volto pensieroso.

Grest: ultimi giorni

Mercoledì 26 tutto il Grest si è trasferito al Pelingo (Acqualagna) con 5 pullmann per una giornata bella, distensiva ed un pochettino più fresca. 

La giornata di ieri 27 giugno, oltre lo svolgimento delle diverse attività, per i ragazzi delle Medie è stata dedicata ad un “educare alla Carità”. Per questo è intervenuta l’Associazione della risata, che nelle sue diverse attività va anche negli ospedali e nelle carceri. I nostri operatori della Caritas e Suor Norma (nata a Montecchio) , hanno presentato le diverse iniziative od (come nel Caso di Suor norma) le sue esperienze che l’hanno portata fino in Albania. Un grazie di cuore a tutte le cuoche, che con passione, disponibilità e professionalità si sono prodigate in questo servizio pastorale. Fra le foto la piccola Caterina, che aiuta nella pulizia dell’Oratorio.