Benvenuti…

Oggi 29 maggio 2009, nel V° anniversario della nostra cara Federica, apriamo ufficialmente il nostro sito della parrocchia di Montecchio (PU) alla presenza e con la collaborazione dei sig. PERLINI PAOLO, SEGARIA MAURO E PALAZZI PARIDE l’elettrauto.

Buon viaggio…

Grazie. don Orlando

Oratorio: inizia l’attività estiva

oratorio1

Il G R E S T 2009 sta ormai esplodendo per l’elevata adesione che sta ricevendo dalle Famiglie. Siamo alla seconda esperienza estiva.

Da una settimana del 2008 si è passati alle due settimane di quest’anno.

Le adesioni stanno rischiando quota 150.
C’è un grandissimo impegno ed entusiasmo fra gli animatori ed una grande disponibilità anche di adulti.
Ricordiamoci sempre che l’ORATORIO è un evento di tutta la Comunità e nessuno potrà dire “io non servo all’Oratorio!”.
Il G R E S T , non è un giochino per bambini, ma è un
laboratorio educativo, con tanto di programma, di attività, di giochi, di messaggi che hanno come finalità la formazione integrale della persona: ecco perché ci occorre un educatore ogni 5-6 ragazzi.
Per questo dico a te, che guardi la televisione: “spegniun attimo; c’è un ragazzo che ti chiama, non ti domanderàche cosa tu sappia fare, ma solo se vuoi essere suo amico!Forse gli preparerai la merenda o sistemerai la sua stanza,forse gli dirai solo ‘ciao’ o vigilerai perché sia sereno.
La
prima volta sarai un po’ spaesato, ma poi giungerai primadell’ora fissata in Oratorio e ti sentirai giovane.. da morire..

Che altro ti devo dire? Parlane con Mauro o la Cinzia o la Barbara, o con altri adulti e troverai qualche ora di giovinezza”.
Pur essendo questo G R E S T 2009, già molto significativo, il nostro intento è che duri ancora più giorni: gliela faremo?
Io dico di sì perché tanti sono quelli che ascoltano la ‘Parola’!
Scrivo tutto questo per mamme disponibili e per pensionati e pensionate che non devono andare dal ‘dottore’!

Un cartone animato su Padre Matteo Ricci

cartonematteo
-

Matteo Ricci (Macerata, 6 ottobre 1552 – Pechino, 11 maggio 1610), a cui è dedicato il pellegrinaggio parrocchiale del 2010, fu un missionario gesuita ed uno studioso di astronomia, matematica, geografia e cosmologia che si recò e visse in Cina, dove avviò un importante processo di evangelizzazione e dove si adoperò per introdurre il pensiero e la scienza occidentali. In Cina, dove il suo nome è Lì Mǎdòu (利瑪竇) e dove dai mandarini ricevette il titolo onorifico di Studioso confuciano del grande Occidente (泰西儒士), Matteo Ricci è ancora molto conosciuto.

Da un concorso destinato alle scuole elementari – 25 quelle che hanno partecipato – è nato un divertente cartone animato che potete gustarvi su questa pagina del sito della provincia di Macerata.

Un Pinocchio sempre attuale di qualche anno fa

fatamfatap5969
Anche le fate si informano.

Andando a scavare nel nostro archivio fotografico abbiamo trovato una serie di immagini dalla rappresentazione di un Pinocchio di qualche anno fa (era il 2004) nel Teatro Parrocchiale. Grazie al lavoro di Debora e Michele e dei simpatici e bravissimi attori la favola di Collodi è stata trasposta con una drammaticità inusuale per una messa in scena recitata da e per ragazzi.

Le foto ricostruiscono il pathos della recitazione e la completa immersione in una storia che è il paradigma della caduta e redenzione di un personaggio al di fuori del tempo e dello spazio che sa catturare l’attenzione di grandi e piccoli. Leggi tutto “Un Pinocchio sempre attuale di qualche anno fa”

Il primo articolo del Blog

Questo è il primo articolo del Blog della Parrocchia Santa Maria Assunta di Montecchio (PU). Utilizzeremo questo Blog per comunicare a tutti i parrocchiani le iniziative liturgiche, gli incontri, le attività per i campeggi, l’Oratorio e tutto quello che ruota intorno. Nella foto qui sotto vedete un gruppo di interni ripreso durante la festa Camping Revival in cui si sono incontrati tantissimi dei partecipanti ai campeggi parrocchiali degli scorsi anni.

camping-revival-1101

Pellegrinaggio, perché?

E’ la domanda più difficile! Nelle diverse esperienze la nostra meta è stata una Tomba, un’Icona della Madonna; a Costantinopoli è stata la Comunità Ortodossa!

Se è pellegrinaggio l’andare verso un Santuario, non chiamerei ‘meno pellegrinaggio’ l’andare verso un Popolo, verso l’Uomo: ogni uomo è infatti Tempio del Dio vivente! Così partì P. Matteo Ricci, così ci ha detto

Gesù: “Andate nel mondo e predicate il Vangelo”.

Se noi partiremo con il cuore del missionario, se noi guarderemo degli uomini come fratelli, se sapremo percepirne le loro parole scritte sui loro volti, sulle loro case, sulla loro cultura, sui loro monumenti, allora potremo dire di aver fatto un vero pellegrinaggio.

Se avremo creato dei momenti di ascolto e di silenzio, di preghiera e di raccoglimento, sgorgheranno in noi ispirazioni simili e superiori a quella che ha messo in moto la nostra iniziativa.

Ci guidino i tanti missionari, i tanti martiri, le persone buone di questo popolo e sarà una grande Grazia non solo per chi vi partecipa, ma per tutta la Comunità!

Padre Matteo Ricci

logo_matteo_ricci
P. Matteo Ricci

Padre Matteo Ricci, nasce a Macerata il 6 ottobre 1552, il 15 agosto 1572 entra nel noviziato dei gesuiti a Roma.

Qui studia matematica, astronomia, cosmografia sotto il celebre P. Cristoforo Clavio, lo scienziato tedesco, il cui nome è legato alla riforma del Calendario detto gregoriano (1572-’77).

Il 18 maggio 1577 parte per la Cina. Il 13 settembre 1578 raggiunge Goa, la base portoghese in India, e nel 1582 inizia gli studi di cinese a Macau, sulla costa sud della Cina. Dal 10 settembre 1583, P. Ricci e P. Ruggieri possono risiedere in Cina a Zhaoqing.

Giunge a Pechino il 7 settembre 1598. Viene accolto come scienziato: “Come io qua con questi mappamondi, horiuoli, sphere e astrolabij et altre opre, che ho fatte e insegnate, venni a guadagnar nome del maggior matematico che ha nel mondo, e.. predico l’eclissi assai più puntuali che loro..”. Il 3 maggio 1610 si mette a letto. P. Matteo Ricci muore, l’11 maggio 1610 con il rimpianto di non aver potuto convenire l’imperatore, ma con la chiara coscienza dell’impresa straordinaria compiuta.

Scriveva pochi mesi prima:

[…] doppo che la Cina è Cina, mai vi è memoria che nessun forestiere stesse in essa come noi stiamo..”.

Proprio domani ricorre il 399° anniversario dalla sua morte.